Soggetti della rete

Nella Rete Nazionale per il contrasto ai discorsi e ai fenomeni d’odio riuniamo diverse e molte realtà che da tempo si occupano di studiare, mappare e contrastare i fenomeni d’odio e gli hate speech. 

Rete Nazionale contro odio ActionAid

ActionAid

ActionAid è un’organizzazione internazionale indipendente impegnata in Italia e in circa 45 Paesi (distribuiti in 5 continenti) che collabora con più di 10mila partner, alleanze, ONG e movimenti sociali con l’obiettivo di realizzare un mondo equo e giusto per tutti. Da oltre 40 anni ActionAid lavora quotidianamente con le persone, le comunità e i gruppi che vogliono sconfiggere le cause e le conseguenze della marginalità e delle disuguaglianze. La sua missione è mettere al centro le persone, affinché possano reclamare i propri diritti, creando spazi di partecipazione democratica nelle comunità, ovunque esse siano, per realizzare il cambiamento e far crescere l’equità sociale, migliorando la qualità della democrazia.

Rete-Nazionale-contro-odio-Amnesty-Italia

Amnesty International Italia

Amnesty International è un movimento di persone determinate a creare un mondo in cui ognuno possa godere dei dei diritti sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani. Dal 1961  ha contribuito a ridare libertà e dignità a oltre 50.000 persone, salvando tre vite al giorno. Da anni è attiva sul tema del contrasto alla discriminazione e all’odio online attraverso progetti di ricerca, educativi e formativi, di mobilitazione, campagne e azioni di advocacy.

Rete Nazionale contro odio ARCI

Arci Nazionale

Nata nel 1957 a Firenze, Arci è un’associazione culturale e di promozione sociale. Vi aderiscono centinaia di migliaia di soci e tantissime associazioni, circoli, case del popolo e di società di mutuo soccorso in tutta Italia. Con il contributo di cittadini di tutte le età, promuove attività in difesa della pace, dei diritti, dell’uguaglianza, della solidarietà, del libero accesso alla cultura, della giustizia sociale, dei valori democratici.

Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni

Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni è un’organizzazione composta da persone unite per creare un fronte comune per il contrasto di tutte le forme di discriminazione e tutti i fenomeni da odio. L’Osservatorio diffonde nella società la corretta percezione della gravità di azioni ed atteggiamenti discriminatori e implementa senso di sicurezza e consapevolezza dei propri diritti tra le minoranze, i gruppi e le persone vittime di discriminazione.

Rete Nazionale contro odio asgi

Asgi

Associazione di promozione sociale nata dall’intenzione di condividere la normativa nascente in tema d’immigrazione da un gruppo di avvocati, giuristi e studiosi. È cresciuta nel tempo, fino a diventare un network di persone che si scambia informazioni in materia di stranieri, diritto di asilo e cittadinanza, riceve e fornisce aggiornamenti sulle prassi, realizza progetti che hanno un forte impatto sul territorio e modificano norme e leggi discriminatorie. Inoltre, partecipa  e organizza  formazione, diffondendo una cultura dell’integrazione attraverso la tutela dei diritti.

Rete Nazionale contro odio APsyM

APsyM

Applied Psychology Measurement Lab.,  Laboratorio di ricerca sulla Misurazione in Psicologia Applicata Dipartimento di Scienze Umane, Università di Verona.
Il laboratorio nasce dalla condivisione di competenze di alcuni ricercatori e ricercatrici impegnati/e in ricerche di psicologia applicata. Si propone di approfondire gli aspetti teorici connessi alla misurazione, alla progettazione di disegni di ricerca e all’analisi dei dati in psicologia, partendo da un forte ancoraggio con una concreta realtà di ricerca che lancia continue sfide dal punto di vista metodologico. Dal 2016 collabora con Amnesty su diversi progetti e dal 2018 contribuisce alla realizzazione del Barometro dell’odio.

Rete Nazionale contro odio associazione carta di Roma

Associazione Carta di Roma

L’Associazione Carta di Roma nasce nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti (CNOG) e dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI) nel giugno del 2008. Lavora per diventare un punto di riferimento stabile per tutti coloro che lavorano quotidianamente sui temi della Carta, promuovendo il confronto tra media, società civile e mondo accademico.

Rete Nazionale contro odio Barbara Giovanna Bello

Barbara Giovanna Bello

Ha conseguito il Dottorato di ricerca internazionale Renato Treves in “Law and Society” presso l’Università di Milano, dove ora insegna “Globalizzazione, pluralismo normativo e devianza sociale” e “Social mobility and social inequality”. È corrispondente del Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazione e vulnerabilità dell’Univ. di Modena e Reggio Emilia. Abilitata all’esercizio della professione forense, da tempo svolge attività di formazione sui diritti umani. Ha pubblicato numerosi saggi e articoli.

 

CRID – Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità

Il CRID – Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità dell’Università di Modena e Reggio Emilia è un “luogo” di discussione tra saperi applicati. In particolare, il Centro collabora con enti, associazioni e istituzioni al fine di indagare e contrastare le diverse forme della vulnerabilità umana e della discriminazione; elabora strumenti metodologici, ricerche e linee-guida; promuove progetti, workshop e laboratori, entro la prospettiva della terza missione e della “funzione sociale” dell’università.

 

Centro per la Cooperazione Internazionale

Il Centro per la Cooperazione Internazionale (Trento) è una associazione no profit e indipendente impegnata nell’analisi, informazione, formazione e  promozione della conoscenza sui temi della cooperazione internazionale, degli affari europei, della pace e dei diritti umani. Il Centro opera attraverso due unità operative: Competenze per la società globale, che lavora per rafforzare la conoscenza e le competenze dei soggetti impegnati per la costruzione di una società globale più giusta, equa e sostenibile e Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa. Quest’ultimo si occupa di affari europei, con una specializzazione geografica sull’Europa orientale e sud-orientale e un focus tematico e metodologico incentrato sul ruolo della società civile e dei cittadini nello sviluppo di relazioni transnazionali per l’integrazione europea, la promozione e difesa dei diritti umani, della riconciliazione e della pace.

 

RiSSC – Centro Ricerche e Studi su Sicurezza e Criminalità

Fondato nel 2005, RiSSC è un centro di ricerche italiano, indipendente e no-profit composto da un team multidisciplinare di ricercatori ed esperti in criminologia, sociologia, statistica, scienze forensi, informatica e comunicazione digitale. Il centro focalizza la propria attività sulla ricerca criminologica investigando i principali fenomeni criminali e le loro interconnessioni al fine di comprenderne le dinamiche. Guidato da un approccio basato sulla conoscenza, da anni si occupa di combattere l’odio online, in particolare contro le donne, promuovendo progetti mirati a rilevare le cause e le modalità con le quali l’odio si manifesta e individuando strumenti di prevenzione e di contrasto operativi ed efficaci basati sull’educazione e sullo sviluppo di contro-narrative.

 

Rete Nazionale contro odio Cestudir

Cestudir

Il Centro Studi sui Diritti Umani (CESTUDIR) è nato nel marzo 2012 e ha sede nel Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali dell’Università Cà Foscari Venezia.
Il Centro studia i diritti del vivente, degli individui, delle comunità, dei popoli. Organizza e partecipa a varie attività basate sui diritti umani, sulla pace, la solidarietà internazionale, la salvaguardia dell’ambiente e del patrimonio culturale, la tutela delle specie e sul benessere degli animali, proponendosi come punto di raccordo tra mondo accademico e territorio.

Commissione Pari Opportunità dell’USIGRAI

La Commissione Pari Opportunità dell’USIGRAI, il sindacato delle giornaliste e dei giornalisti della Rai, è impegnata da anni nel contrasto ai linguaggi di odio e nella promozione di un’informazione attenta alle diversità. Accanto alle questioni prettamente sindacali, la Cpo è attiva sul fronte del contrasto alla narrazione tossica della violenza contro le donne e ha partecipato alla stesura del Manifesto di Venezia. Negli ultimi anni ha organizzato, insieme alla Cpo Fnsi e all’associazione Giulia, incontri, dibattiti e convegni anche sul tema dell’odio contro le giornaliste e delle molestie sui luoghi di lavoro. Oltre a collaborare su questi temi con altri soggetti della Rete, il sindacato Usigrai ha chiesto e ottenuto che nel contratto giornalistico della Rai venissero inseriti le Carte di Roma e di Treviso, la delibera Agcom contro le discriminazioni e il Manifesto di Venezia.

CNF - Consiglio Nazionale Forense

CNF – “Consiglio Nazionale Forense presso il Ministero della Giustizia”

Il CNF rappresenta in via esclusiva l’Avvocatura a livello nazionale, e su richiesta del Ministro della Giustizia, esprime pareri sui disegni di legge che interessano professione forense e amministrazione della giustizia. Il CNF è presente in tutti gli organismi internazionali dell’Avvocatura (CCBE -UIA), ha un ufficio a Bruxelles e mantiene i contatti con le avvocature di tutto il mondo. Inoltre, tra i diversi compiti, gestisce le prove integrative per lo svolgimento della professione in Italia da parte di avvocati provvisti di titolo in altro Stato dell’Unione europea.

Rete Nazionale contro odio Cospe

Cospe

COSPE è un’associazione privata, laica e senza scopo di lucro. Opera in 25 Paesi del mondo, con circa 70 progetti a fianco di migliaia di donne e di uomini per un cambiamento che assicuri lo sviluppo equo e sostenibile, il rispetto dei diritti umani, la pace e la giustizia tra i popoli. In Italia e Europa si occupa di promozione dei diritti di cittadinanza di migranti, rifugiati/e e minoranze e contrasto alle discriminazioni e al razzismo.

Rete Nazionale contro odio Cospe

EMERGENCY ONG Onlus

È un’organizzazione internazionale nata in Italia nel 1994 per offrire cure medico-chirurgiche alle vittime della guerra, delle mine antiuomo e della povertà e, allo stesso tempo, per promuovere una cultura di Pace, Solidarietà e rispetto dei Diritti umani. Dal 1994 a oggi abbiamo lavorato in 19 Paesi di tutto il mondo offrendo cure gratuite e di alta qualità a chi ne ha più bisogno, secondo i nostri principi: Eguaglianza, Qualità e Responsabilità sociale.

Rete-Nazionale-contro-odio-Federico-Faloppa

Foto di Luca Prestia

Federico Faloppa

Professore Associato di Studi Italiani e Linguistica presso il Dipartimento di Culture e Lingue dell’Università di Reading (UK), da vent’anni si occupa della costruzione dell’alterità attraverso la lingua, della politica linguistica e delle migrazioni, della rappresentazione delle minoranze e dei fenomeni migratori nei media, del razzismo nel linguaggio e del discorso dell’odio. Su questi temi ha pubblicato numerose pubblicazioni e scritto diverse monografie. Collabora come ricercatore e consulente con diversi enti, associazioni e istituzioni europee. È coordinatore della Rete nazionale per il contrasto ai discorsi e ai fenomeni d’odio, e membro del Comitato di esperti per la lotta ai discorsi di odio del Consiglio d’Europa, che sta elaborando le nuove raccomandazioni sul discorso dell’odio per i 47 Stati membri.

 

Rete Nazionale contro odio Fondazione Bruno Kessler

Fondazione Bruno Kessler (FBK)

Situato a Trento, è tra i top centri di ricerca in Italia ed è fondato da 400 ricercatori, 140 studenti di dottorato, 200 borsisti in visita e studenti di tesi, 700 affiliati e studenti accreditati. Con più di cinquant’anni di storia, attraverso 2 poli scientifici, 7 centri di ricerca, 410 ricercatori, 2 biblioteche specializzate, 7 laboratori, FBK punta a risultati di eccellenza scientifica e tecnologica con particolare attenzione alla interdisciplinarietà e alla dimensione applicativa. FBK partecipa alla Rete coinvolgendo il Centro Digital Society, che svolge ricerca interdisciplinare e sviluppa tecnologie digitali in grado di affrontare le sfide della Società Digitale, e il Centro per le Scienze Religiose, un centro di natura non-confessionale che conduce ricerche multidisciplinari sul fenomeno della religione attraverso l’ampiezza delle sue articolazioni e ha come missione il progresso della comprensione critica del rapporto multiforme tra religione e innovazione nella società contemporanea.

Rete Nazionale contro odioMonica Gazzola

Monica Gazzola

Avvocata penalista, vive e lavora a Venezia. Ammessa al patrocinio avanti il Tribunale Penale Internazionale dell’Aja, da sempre affianca all’attività professionale l’impegno per la tutela dei diritti dei più deboli, in particolare migranti, minoranze, donne e animali non umani. Per diversi anni ha partecipato alla Delegazione Italiana e delle Commissioni Human Rights, Access to Justice e Criminal Law al CCBE – Council of Bars and Law Societies of Europe, nonché della Commissione Diritti Fondamentali della Scuola Superiore dell’Avvocatura. Ha ideato e coordinato il Progetto Lampedusa a tutela dei migranti via mare, con il Consiglio Nazionale Forense, la Scuola Superiore dell’Avvocatura e l’Unione dei Fori Siciliani. Attualmente fa parte del CESTUDIR – Centro Studi sui diritti dell’uomo e dei viventi di Cà Foscari Venezia.

Rete Nazionale contro odio Giulia giornaliste

Giulia giornaliste

Acronimo di GIornaliste Unite LIbere Autonome, nata nel 2011, è un’associazione nazionale di giornaliste professioniste e pubbliciste che si pone due obiettivi principali, sui media e nei media: modificare lo squilibrio informativo sulle donne anche utilizzando un linguaggio privo di stereotipi e declinato al femminile; battersi perché le giornaliste abbiano pari opportunità nei luoghi di lavoro, senza tetti di cristallo e discriminazioni. Una missione che Giulia articola attraverso corsi di formazione, manuali, spettacoli, prese di posizione pubbliche.

Rete Nazionale contro odio Alessandra Vitullo

Istituto per le Tecnologie Didattiche – Consiglio Nazionale delle Ricerche

L’Istituto Tecnologie Didattiche (ITD) è l’ istituto scientifico italiano interamente dedicato alla ricerca sull’innovazione educativa veicolata dall’integrazione di strumenti e metodi basati sull’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Nasce dall’unione di due centri, l’Istituto Tecnologie Didattiche di Genova (istituito nel 1970) e l’Istituto Tecnologie Didattiche e Formative di Palermo (nato nel 1993). L’Istituto Tecnologie Didattiche ha come finalità lo studio dei processi di insegnamento e apprendimento e dei sistemi deputati alla loro realizzazione, la ricerca di soluzioni innovative ai problemi dell’educazione e della formazione, e lo studio delle tecnologie dell’informazione come risorsa per le attività di insegnamento e apprendimento.

Rete Nazionale contro odio Lunaria

Lunaria

Nata nel 1992, è un’associazione senza fini di lucro, laica, indipendente e autonoma dai partiti. Promuove la pace, la giustizia sociale ed economica, l’uguaglianza e la tutela dei diritti di cittadinanza, la democrazia e la partecipazione dal basso, l’inclusione sociale e il dialogo interculturale. In migrazioni e lotta al razzismo ha maturato dal 1996 una lunga esperienza, promuovendo attività di comunicazione, ricerca, formazione, campagne e iniziative di advocacy. Dal 2011 ha creato il sito Cronache di ordinario razzismo per monitorare e contrastare il razzismo in Italia.

Rete Nazionale contro odio Pierluigi Musarò

Pierluigi Musarò

Pierluigi Musarò è professore associato presso l’Università di Bologna e research fellow presso IPK, New York University (USA), London School of Economics and Political Science, Melbourne University. Coordina diversi progetti internazionali (e ha pubblicato) su: media, diritti umani, migrazioni, arte e partecipazione politica, sviluppo sostenibile e turismo responsabile. Presidente dell’Associazione YODA e Direttore di IT.A.CÀ_migranti e viaggiatori: Festival del Turismo Responsabile.

Rete Nazionale contro odio Costanza Nardocci

Costanza Nardocci

Ricercatrice di Diritto costituzionale presso il Dipartimento di Diritto pubblico italiano e sovranazionale dell’Università degli Studi di Milano. Insegna “Violence against Women and Gender Justice”, presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano. Nell’ambito del diritto costituzionale e del diritto internazionale dei diritti umani, si occupa di discriminazioni etniche e razziali, di multiculturalismo, di diritti delle minoranze anche nella prospettiva degli studi di genere e di giustizia costituzionale. Su questi temi, ha scritto diverse pubblicazioni, in lingua italiana e inglese.

Rete Nazionale contro odio No Hate

No Hate Speech Movement Italia

La Campagna “No Hate Speech Movement” è un’iniziativa giovanile internazionale che promuove educazione ai Diritti Umani, media literacy, partecipazione giovanile, contronarrazioni e narrazioni alternative. Nata in seno al Dipartimento Gioventù del Consiglio d’Europa (su proposta del Advisory Council on Youth), a seguito dei fatti di Utoya del 22 Luglio 2011, è stata realizzata in 44 paesi del mondo nel periodo 2013 – 2017. In Italia è attualmente implementata dal Gruppo di Coordinamento Nazionale, organismo composto da giovani attivisti e organizzazioni coordinati dall’Associazione APICE – Agenzia di Promozione Integrata per i Cittadini in Europa.

Rete Nazionale contro odio Osservatorio di Pavia

Osservatorio di Pavia

Istituto di ricerca indipendente specializzato nel monitoraggio e nell’analisi dei media, ha tra i suoi obiettivi la salvaguardia del pluralismo sociale, culturale e politico nei mezzi di informazione, attraverso l’analisi del contenuto. Impiega più di 20 ricercatori e può contare su un network di accademici ed esperti nel settore degli studi sulla comunicazione. Collabora, a livello internazionale con ONU e Council of Europe, e a livello nazionale con organizzazioni non governative impegnate nella lotta alla disinformazione su migrazioni, corretta rappresentazione mediatica di genere e nel contrasto al linguaggio d’odio nei media.

Rete Nazionale contro odio Pangea

Fondazione Pangea

Nata nel luglio 2002 come organizzazione no profit, indipendente e apartitica, con l’obiettivo di lavorare in Italia e nel mondo per promuovere i diritti delle donne in quanto diritti umani, prevenire e contrastare la violenza e le discriminazioni di genere sulle donne (sia in rete che nella vita reale), promuovere pari opportunità tra donne e uomini e per favorire l’empowerment economico, sociale e culturale delle donne, attraverso attività di ascolto, accoglienza e accompagnamento.  

Rete Nazionale contro odio Paola Parmiggiani

Paola Parmiggiani

Professoressa presso l’Università di Bologna dove insegna Sociologia della cultura e Comunicazione sociale, e presiede il Corso di Laurea Magistrale in Sociologia e Servizio sociale. I suoi principali campi di studio e di ricerca sono i media e le migrazioni, la comunicazione sociale e dell’umanitario, performing art e cittadinanza attiva. Temi sui quali ha scritto diverse pubblicazioni, quali “Right to the City, Performing Arts and Migration” (Franco Angeli, 2020) e  Borders Kill. Tania Bruguera’s Referendum as an Artistic Strategy of Political Participation, (Journal of Mediterranean Knowledge, 4/2019).

Rete Nazionale contro odio Rete Lenford

Avvocatura per i diritti LGBTI – Rete Lenford

Costituita nel 2007, promuove, anche giudiziariamente, l’avanzamento dei diritti delle persone LGBTI. L’associazione si propone di influenzare i meccanismi di decision making politici e giuridici, realizzando diversi documenti (guide, pareri e schede operative) per fornire informazioni e strumenti utili a garantire una sempre maggior preparazione ed efficacia di intervento nella tutela dei diritti umani, formulando proposte di legge e rappresentando i diritti delle persone LGBTI davanti a organi giudiziari, istituzioni – anche internazionali – nonché organismi governativi e parlamentari.

Rete Nazionale contro odio Salvatore Romano

Salvatore Romano

Neolaureato in Psicologia Sociale e della Comunicazione all’università di Padova. Ha scritto la sua tesi magistrale “Haters gonna (make you) hate: il Negative Campaign come predittore dell’hate speech online nelle elezioni europee del 2019 in Italia.” in collaborazione con il “Barometro dell’Odio” di Amnesty International.

Attualmente è membro dei gruppi di ricerca Tracking ExposedAlgorithms Exposed e DatActive dell’Università di Amsterdam con i quali si occupa di algorithm literacy, in particolare analizzando gli effetti dell’algoritmo di Youtube sulla polarizzazione degli utenti e sulla diffusione di notizie di attualità in ambito politico.

Rete Nazionale contro odio Cecilia Siccardi

Cecilia Siccardi

Assegnista di ricerca in Diritto Costituzionale all’Università degli Studi di Milano, dove insegna Diritto Antidiscriminatorio. I suoi temi di ricerca riguardano il diritto antidiscriminatorio e la tutela dei diritti fondamentali, con particolare focus sui diritti dei migranti e delle donne. Su questi temi ha pubblicato numerosi articoli scientifici. Fa parte di Vox-Osservatorio italiano sui Diritti e collabora con tutti i progetti dell’associazione, curando in particolare i percorsi educativi su hatespeech e cyberbullsimo.

Solomon – Osservatorio sulle Discriminazioni

L’Osservatorio Solomon, presieduto dall’Avv. Barbara Pontecorvo, è un’organizzazione di volontari, apolitica e senza fini di lucro, per la tutela da ogni forma di discriminazione, ispirata alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e delle Nazioni Unite, alla Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea e della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. L’Osservatorio individua e persegue ogni forma di discriminazione, crimine d’odio, incitamento all’odio (anche su internet), boicottaggio, diffamazione ed emarginazione e fornisce competenze e supporto ad individui e associazioni nazionali ed internazionali che siano vittime di tali crimini. Opera in accordo e collaborazione con primarie associazioni mondiali per la difesa dei diritti dell’uomo.

Rete Nazionale contro odio Caterina Suitner

Caterina Suitner

Caterina Suitner si è dottorata in Scienze Cognitive nel 2009 e ora è professoressa associata in Psicologia Sociale presso l’Università degli Studi di Padova, dove insegna Persuasione e Influenza Sociale, Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni e Social Network Analysis. I suoi interessi di ricerca vertono sulla relazione tra linguaggio e cognizione, con particolare attenzione agli aspetti para-semantici della comunicazione verbale e non verbale e al ruolo dei processi di influenza sociale nella comunicazione online. 

Rete Nazionale contro odio Alessandra Vitullo

Alessandra Vitullo

Ha un dottorato in Sociologia della Comunicazione ed è assegnista di ricerca presso l’Università di Milano-Bicocca, dove lavora per il Centro di ricerca Benessere Digitale ( media education e competenze digitali). Durante la sua carriera si è occupata di discriminazione delle minoranze religiose (presso la Fondazione Bruno Kessler di Trento), di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati e di insegnamento nelle scuole secondarie di secondo grado. Su questi temi ha scritto numerose pubblicazioni di carattere scientifico e divulgativo.

Rete Nazionale contro odio Vox

VOX – Osservatorio Italiano sui Diritti

Associazione senza scopo di lucro nata a Milano nel 2013, fondato dalla giornalista Silvia Brena e dalla costituzionalista Marilisa D’Amico, a cui aderiscono costituzionalisti, sociologi, psicologi, medici e giornalisti. Si propone di diffondere la cultura dei diritti in Italia e si occupa da sempre della promozione dei diritti dei più fragili e tradizionalmente discriminati, mediante la messa in atto di progetti di prevenzione a livello territoriale e nazionale. Tra questi, l’Associazione si è dedicata in modo particolare a quelli volti a contrastare la diffusione dell’odio on line, con la Mappa dell’Intolleranza, la prima mappatura dell’odio online, via Twitter, rivolto a sei categorie (donne, migranti, ebrei, musulmani, persone omosessuali, persone con disabilità). L’Associazione è inoltre impegnata in progetti di sensibilizzazione nelle scuole e in campagne di advocacy.