Approfondimenti

Studi, riflessioni e progetti della Rete

zoombombing immagine in evidenza

Pandemia, infodemia e capri espiatori

a cura di Pierluigi Musarò, professore associato presso l’Università di Bologna Da un anno conviviamo con il Covid-19, anche noto come nemico invisibile. A render cele(b)re questa associazione mentale hanno contribuito dapprima le dichiarazioni di diversi capi di stato e di governo: da Macron che il 16 marzo 2020 dichiarò “guerra contro un nemico invisibile”, all’ex presidente del Consiglio ...

Leggi tutto

Come interviene il Ddl Zan? Il webinar di approfondimento

Il DDL ZAN mira a proteggere dai crimini d’odio le persone vittime di reati a causa del loro sesso, genere, identità di genere, orientamento sessuale o disabilità, aggiungendo questi elementi di discriminazioni a quelli già presenti nella normativa nazionale quali razza, etnia, nazionalità e religione.
Scopo del webinar è quello di sollevare, e magari sciogliere, le criticità che possono emergere dall’approvazione del DDL ZAN, ancora in attesa di discussione in Senato, e portare alla luce quelle che sono le fake news, le notizie false che niente hanno a che fare con il testo normativo, riportando la discussione su quello che è il vero tenore della legge, in modo tecnico, sia dal punto di vista linguistico che da quello giuridico.

leggi tutto

Il discorso d’odio (non) è (sempre) a compartimenti stagni

Cosa si intende quando si parla di odio intersezionale? A spiegarlo con grande chiarezza è Barbara Giovanna Bello ̶ membro della nostra Rete docente di Sociologia del diritto, Università Statale di Milano e membro del CRID (Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e Vulnerabilità) dell’Università di Modena e Reggio ̶ in questo articolo pubblicato nel portale “Lingua italiana” di Treccani.

leggi tutto

Il ruolo della media education nel ridurre l’odio online

In un articolo pubblicato sul sito di Treccani, la Dott.ssa Alessandra Vitullo spiega l’importanza della media education e di come attraverso l’educazione digitale si possono fornire ai giovani le giuste competenze per utilizzare i contenuti in rete, individuando fake news e linguaggio di odio.

leggi tutto